Banner stampa 02

Alimentazione: laser anti-frodi ENEA per controlli rapidi e affidabili. La notizia sul nuovo numero del periodico ENEAinform@

Roma, 11 maggio 2017

ENEAINFORMA dell'11 maggio 2017Un laser in grado di scoprire in pochi secondi eventuali sostanze tossiche nei cibi direttamente sui banconi di negozi, mercati e supermercati. Non è fantascienza ma una tecnologia innovativa messa a punto l’ENEA per contrastare le frodi alimentari riuscendo a scoprire la presenza di sostanze tossiche quali l’istamina nel pesce, acausa di una cattiva conservazione, o l’adulterazione del latte in polvere con composti utilizzati generalmente per colle e plastiche come la melammina. Il laser-antifrodi è stato sviluppato dai ricercatori del Centro di Frascati insieme a sei partner industriali nell’ambito del progetto triennale SAL@CQO finanziato con 3 milioni di euro dal Ministero dello Sviluppo Economico. Queste tecnologie anticontraffazione sono in grado anche di rilevare nei succhi di frutta l’aggiunta di acqua e dolcificanti non dichiarati in etichetta, nell’extravergine di oliva la presenza di olii vegetali a basso costo e nel vino un eccessivo contenuto di metanolo.

“Abbiamo sviluppato una strumentazione ottica innovativa, basata su una tecnologia laser a infrarosso, che permette di individuare le frodi alimentari e di garantire la qualità e la sicurezza del cibo che finisce sulle nostre tavole. Per ora siamo nella fase di sperimentazione ma puntiamo a realizzare nel giro di poco tempo strumenti trasportabili e maneggevoli per un’analisi rapida e precisa del cibo sia nel punto vendita che nel luogo di produzione, da affidare alle istituzioni che si occupano dei controlli e a tutte quelle industrie e catene di distribuzione che puntano a mantenere un elevato standard di qualità. E tutto questo sarà possibile senza ricorrere a personale altamente specializzato”, sottolinea Gianfranco Giubileo del Laboratorio Diagnostiche e Metrologia dell’ENEA.

Il team di ricercatori ENEA guarda oltre e sta già testando strumenti portatili in cui il raggio laser possa viaggiare lungo una fibra ottica o venga addirittura sostituito da un LED. Ma non esclude di creare anche sistemi miniaturizzati e app per smartphone che permettano al consumatore di fare in pochi secondi uno screening del cibo che si sta per acquistare, per sapere se è di qualità e se è stato conservato bene, rispettando ad esempio la catena del freddo come nel caso dei surgelati. “Attualmente – aggiunge la ricercatrice Adriana Puiu – non esistono in commercio strumenti con queste caratteristiche, cosicché i controlli anti-frode si basano su analisi di laboratorio complesse che richiedono tempi lunghi, strumentazioni costose e personale specializzato. I risultati del nostro progetto fanno ben sperare di arrivare a breve a controlli di qualità rapidi, affidabili e di semplice esecuzione”.

Finora la tecnologia anti-frode dell’ENEA è stata testata su diversi prodotti alimentari come il pesce e i succhi di frutta. Nel primo caso il sistema laser ha permesso di individuare la presenza di istamina, una molecola tossica che si forma quando il pescato è vecchio o non viene conservato bene (nel 2013 ha causato migliaia di intossicazioni in tutta Europa). Nel caso dell’istamina, che riguarda principalmente tonno, sardine, sgombri e acciughe, non servono a nulla cottura, congelamento e inscatolamento e l’unica arma per difendere i consumatori è il controllo preventivo che evita che il prodotto finisca nel carrello della spesa. Nei succhi di frutta e nelle bibite light il sistema hi-tech dell’ENEA è stato in grado di rivelare e di distinguere presenza e quantità di cinque dolcificanti (fruttosio, glucosio, maltosio, aspartame e saccarosio) non dichiarati in etichetta.

Per il video: https://www.youtube.com/watch?v=ghCOBVkksek&feature=youtu.be

Le altre notizie del bisettimanaleENEAinform@, online sul portale dell’Agenzia:

 

Economia circolare: al via progetto recupero materie prime da pannelli fotovoltaici a fine vita

Realizzare in Italia entro il 2020 un impianto pilota per recuperare silicio, argento, rame, alluminio e vetro da pannelli fotovoltaici a fine vita. È questo l’obiettivo del progetto ReSIELP (Recovery of Silicon and other materials from End-of-Life Photovoltaic Panels), finanziato con 2,5 milioni di euro nell’ambito della Knowledge Innovation Community sulle materie prime (KIC Raw Materials), alla quale partecipano in Italia ENEA, Università di Padova, le aziende ITO e Relight e CETMA (Centro di Ricerche Europeo di Tecnologie, Design e Materiali).

Salute: ENEA, al via progetto per protesi cardiovascolari supersottili

Nuove prospettive per il trattamento delle malattie cardiovascolari: stent biocompatibili e supersottili che si riassorbono nei tessuti dopo la guarigione della lesione coronarica. È l’obiettivo che si propone di realizzare entro il 2020 il progetto europeo “Bi-Stretch-4-Biomed”, coordinato dall’ENEA, al quale partecipano anche il California Institute of Technology, la Queen’s University di Belfast e l’Università di Warwick (Regno Unito).

Salute: passi avanti dell'acceleratore di protoni per cura mirata tumori

Nel Centro Ricerche ENEA di Frascati è stato installato un nuovo generatore di radiofrequenza per l’impianto di protonterapia “TOP-IMPLART”. Destinato ad applicazioni di radioterapia oncologica, in particolare per tumori oculari e pediatrici, è in grado di curare neoplasie anche più profonde limitando al massimo danni collaterali e salvaguardando i tessuti sani. L’acceleratore lineare di protoni è stato progettato e realizzato da ENEA, Istituto Superiore di Sanità e Istituto Nazionale Tumori Regina Elena-IFO-Roma. Con la firma di una nuova Convenzione fra ENEA e Regione Lazio è stato attivato un ulteriore finanziamento di 6,5 milioni di Euro per l’innovativo impianto che diventerà il primo Centro di protonterapia del centro-sud Italia.

Aperte le iscrizioni alla Summer School sulle Tecnologie di Cattura e Stoccaggio della CO2

Sono aperte fino a venerdì 19 maggio le iscrizioni alla quinta edizione della International Sulcis Summer School on CCS Technologies, che si svolgerà dal 19 al 23 giugno 2017 presso il centro Ricerche Sotacarbo di Carbonia, in Sardegna. Organizzata da ENEA, Università di Cagliari e Sotacarbo, in collaborazione con IEA Clean Coal Center e CO2GeoNet, la Scuola Estiva sulle Tecnologie di Cattura e Stoccaggio della CO2 è un’iniziativa totalmente gratuita indirizzata a 40 studenti provenienti da vari Paesi, dei corsi di laurea magistrale o specialistica, dottorandi e giovani laureati con una formazione in ingegneria, geo-tecnologie e socio-economia.

Formazione: protocollo d'intesa ENEA-Rete ITS per l'efficienza energetica

Ampliare le competenze di giovani tecnici specializzati per trasferire l’innovazione tecnologica alle aziende presenti sul territorio, grazie a percorsi didattici condivisi e focalizzati sui temi dell’energia e dell’ambiente. Sono questi i temi dell’accordo sottoscritto a Verona dal presidente dell’ENEA Federico Testa e da Luciano Carapelli, coordinatore della Rete ITS (Istituti Tecnici Superiori) per l’efficienza energetica e presidente della Fondazione ITS Energia e Ambiente della Toscana.

archiviato sotto:
Stampa pagina