Istruzione: ENEA presenta i nuovi percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro.

Tecnologie hi-tech, beni culturali, efficienza energetica, sostenibilità e clima. La ministra dell’Istruzione Fedeli: “Lavoriamo per formare cittadine e cittadini protagonisti del domani”. La notizia sul nuovo numero del periodico ENEAinform@

Oltre 300 ragazzi coinvolti, 15 tra licei, istituti tecnici e professionali di cinque Regioni e sei tra Centri di ricerca e Centri di consulenza energetica integrata ENEA quali sedi ospitanti: sono questi alcuni dei numeri che caratterizzano i nuovi percorsi ENEA di Alternanza Scuola-Lavoro (ASL). L'iniziativa è stata presentata nella “Giornata Inaugurale dell’Alternanza Scuola-Lavoro” che si è tenuta  presso la sede centrale dell’Agenzia per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile con la partecipazione di docenti, studenti e ricercatori.

ENEAINFORMA del 28 aprile 2017I progetti formativi copriranno i diversi settori di attività dell’ENEA, fra i quali l’efficienza energetica, l’uso efficiente delle risorse e la simbiosi industriale, la tutela e la valorizzazione dei beni culturali, le tecnologie hi-tech, il cambiamento climatico, la produzione di energia da fonti rinnovabili, il risanamento e la ristrutturazione urbanistica, ma anche il trasferimento tecnologico, le nuove forme di imprenditorialità e la redazione di testi scientifici.

I percorsi ASL sono una delle attività previste dal Protocollo su “Educazione allo sviluppo sostenibile, alla cooperazione internazionale e al rafforzamento del rapporto tra scuola e mondo del lavoro” firmato lo scorso anno fra ENEA e MIUR.

“Iniziamo oggi un’attività impegnativa, certo, ma che, unita all’entusiasmo con cui da sempre l’ENEA ha accolto i progetti che avvicinano i giovani al mondo della ricerca scientifica e tecnologica, saprà arricchire il bagaglio di conoscenze di questi ragazzi e consolidare il ruolo di attore di sviluppo del Paese dell’Agenzia”, ha sottolineato il presidente dell’ENEA, Federico Testa. “La peculiarità dei progetti ASL dell’ENEA è la grande varietà dei percorsi formativi previsti – ha aggiunto –  che rispecchia la vocazione multidisciplinare dell’Agenzia”.

“L’obiettivo dell’Alternanza Scuola-Lavoro – ha spiegato la ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Valeria Fedeli – è aprire gli occhi delle nuove generazioni sul futuro. Consente loro di fare esperienza diretta di un mondo che avvertono distante nel tempo, ma al quale si orientano già nel presente con le scelte che compiono durante il loro percorso di formazione. Grazie a questa misura, che abbiamo reso obbligatoria con la Buona Scuola, le studentesse e gli studenti possono mettersi alla prova, sviluppare competenze e abilità utili per il domani, conoscere i meccanismi del mercato del lavoro. E, nel caso specifico dell’iniziativa messa in campo da ENEA, scoprire le ricadute dirette, in termini di crescita e sviluppo, dell’attività di ricerca, motore di progresso del Paese. Stiamo lavorando per formare cittadine e cittadini protagonisti del domani. E lo stiamo facendo insieme, ciascuno per il proprio ruolo e per la propria parte”.

L’ENEA si è dotata internamente di specifiche Linee Guida ASL a seguito della legge sulla “Buona Scuola” che prevede l’obbligo per i ragazzi delle scuole superiori di sperimentare un percorso di orientamento che alterni ore di studio e di formazione in aula a ore di attività pratica all’interno delle strutture pubbliche o private ospitanti.

Nello specifico, i primi corsi in programma sono dedicati a: tecniche di laboratorio per l'analisi di sostanze chimiche e fisiche e valutazione del rischio per la salute umana; misure elettriche ed elettroniche e misure ottiche; tecnologie di valorizzazione energetica: produzione di biometano ad elevata purezza dalla digestione anaerobica di biomasse; infrastrutture ICT nelle reti scientifiche di eccellenza; gestione della sicurezza nei laboratori di ricerca: i rischi chimici e le radiazioni ionizzanti.

Sulla base dell'offerta formativa proposta, le istituzioni scolastiche potranno richiedere il percorso formativo di interesse che, a partire da settembre, sarà consultabile online all’indirizzo www.enea.it. Un’apposita convenzione regolerà i rapporti e le responsabilità dei soggetti coinvolti, secondo standard normativi. Anche gli stessi studenti saranno coinvolti impegnandosi a sottoscrivere in prima persona un patto/progetto formativo relativo alle attività previste nello specifico percorso ASL.

Le altre notizie del bisettimanaleENEAinform@, online sul portale dell’Agenzia:

Ambiente e salute: ENEA, sistemi innovativi per affrontare emergenze smog

Un nuovo sistema di previsione oraria dell’inquinamento atmosferico a  3-5 giorni su aree grandi come un piccolo comune italiano, un livello di dettaglio mai raggiunto prima su scala nazionale. Lo ha messo a punto l’ENEA per supportare le politiche e le azioni in materia di qualità dell’aria dei ministeri dell’Ambiente e della Salute e delle amministrazioni locali. Inoltre, l’Agenzia ha realizzato anche la prima mappa italiana degli effetti dell’inquinamento atmosferico sulla salute coninformazioni su mortalità per età, sesso e patologia a livello di singolo comune.

Salute: biomedicina, al via progetto Ue per diagnosi e terapia anticancro

Sviluppare dispositivi microelettronici innovativi per isolare e neutralizzare in pochi minuti le cellule staminali del cancro. È l'obiettivo del progetto SUMCASTEC al quale partecipano per l’Italia ENEA e Università di Padova.

Salute: ricercatrice ENEA vince premio internazionale con unguento per cura ferite

Il medico veterinario dell’ENEA Fiorella Carnevali ha vinto il Premio internazionale SOFIA per aver brevettato un unguento, per uso umano e veterinario, che cura lesioni esterne di qualunque estensione e natura, sia acute che croniche. Il premio è stato conferito alla ricercatrice “per il suo impegno sociale, culturale e professionale e la sua attenzione alle fasce sociali più deboli”.

Al via progetto Ue per modello energetico sostenibile nello Spazio Alpino

Creare un nuovo approccio integrato e strumenti condivisi di pianificazione e implementazione delle politiche energetiche per le pubbliche amministrazioni e le altre istituzioni della regione dello Spazio Alpino (Italia, Francia, Germania, Austria, Slovenia, Svizzera e Liechtenstein). È l’obiettivo del progetto triennale IMEAS (Integrated and Multi-level Energy models for the Alpine Space), di cui ENEA è capofila.