Banner stampa 02

Salute: ricercatrice ENEA vince premio internazionale con unguento per cura ferite

28 aprile 2017

Il medico veterinario dell’ENEA Fiorella Carnevali ha vinto il Premio internazionale SOFIA[1] per aver brevettato un unguento, per uso umano e veterinario, che cura lesioni esterne di qualunque estensione e natura, sia acute che croniche. Il premio è stato conferito alla ricercatrice per il suo impegno sociale, culturale e professionale e la sua attenzione alle fasce sociali più deboli”.

Fiorella Carnevali -Ricercatrice ENEADestinato a personalità che si sono distinte per etica, solidarietà e altruismo, il Premio Sofia Onlus 2017 è stato conferito, tra gli altri, ai Vigili del Fuoco - Unità Cinofile intervenuti nei soccorsi a Rigopiano, al sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi e Carla Fracci.

L’unguento si basa su una particolare composizione di iperico e olio di Neem ed  è stato messo a punto insieme al biologo dell’ENEA Andrew Van Der Esch.

“Si tratta di un composto ‘all-in-one’ – spiega Fiorella Carnevali della divisione Tecnologie e metodologie per la salvaguardia della salute dell’ENEA - particolarmente indicatoper ulcere vascolari, piede diabetico, piaghe da decubito e anche ferite da trauma. Grazie alle sue proprietà cicatrizzanti e antibatteriche può sostituire disinfettanti, antibiotici e antinfiammatori dal momento del trauma, fino alla guarigione completa con risparmi economici importanti”.

Rispetto alle terapie tradizionali il medicamento si è dimostrato molto efficace, nella cura delle ferite cosiddette “difficili”, anche pediatriche. Attualmente è commercializzato per uso umano con il nome di “1 Primary Wound Dressing” ed è impiegato nella ASL di Bolzano e in diverse altre strutture ospedaliere, tra cui il Cardarelli di Napoli e il CTO di Roma.

“Si tratta di un esempio virtuoso di come il trasferimento della ricerca scientifica può essere determinante in settori importanti come la cura della salute e in veterinaria - ha aggiunto Fiorella Carnevali - e auspichiamo che l’unguento venga adottato anche da altri enti, regioni ed ospedali perché è in grado di ridurre dolore, complicazioni infettive - anche da batteri multi resistenti – e tempi di guarigione: per questi motivi è particolarmente indicato nelle situazioni di emergenza, catastrofi naturali o conflitti armati, nei paesi in via di sviluppo e in tutte le situazioni con scarse condizioni igienico-ambientali”.

In medicina veterinaria l’unguento è commercializzato con il nome “OneVet” ed è considerato l’unico presidio in grado di controllare il cheloide, una patologia di difficile guarigione tipica delle ferite equine, ed è stato utilizzato per curare con successo oltre 50 cavalli del 4° Reggimento Carabinieri e i risultati delle ricerche sono stati pubblicati sulle riviste Journal of Animal and Veterinary Sciences e sul Giornale di Medicina Militare. L’unguento si è dimostrato efficace anche per le infezioni da batteri multi-resistenti e nella cicatrizzazione delle lesioni di cani, gatti, pecore e capre. Inoltre, la rivista scientifica Diseases of Aquatic Organisms ha pubblicato i risultati positivi dell’utilizzo dell’unguento anche nella cura di gravi lesioni sulle tartarughe marine.

Per maggiori informazioni:

Fiorella Carnevali, ENEA - Divisione Tecnologie e metodologie per la salvaguardia della salute, fiorella.carnevali@enea.it

 


[1] L’Associazione “S.O.F.I.A. – Sostegno Operativo Famiglie Italiane Assistenza - Onlus” è un’organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus)” che propone progetti innovativi di domiciliazione integrata per l’autonomia e la cura delle persone con disabilità, servizi di assistenza domiciliare per persone bisognose e/o anziane che vivono in stato di disagio psichico o fisico, economico, sociale e familiare. Tra i premiati dell’edizione 2016: il Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano, Gabriella D’Orso Vice Prefetto Immigrazione di Napoli, i parroci anticamorra Don Maurizio Patriciello e Don Tonino Palmese, il Generale dell’Esercito Antonio Zambuco e Carmine Lettieri, Volontario dell’Esercito ferito a Kabul.

Stampa pagina