Display

Comunicati e News

Security: centro italiano EISAC per la gestione emergenze tra i migliori al mondo per ufficio ONU

Il primo centro in Europa per la sicurezza delle infrastrutture strategiche, EISAC.it, nato in Italia dalla collaborazione tra ENEA e INGV, è stato incluso dal competente ufficio ONU nella lista delle 24 migliori strutture tecnologiche al mondo per la gestione delle emergenze da eventi naturali. La selezione è stata comunicata al Forum internazionale dell’Ufficio delle Nazioni Unite per la riduzione dei rischi da catastrofi UNDRR (United Nations Office for Disaster Risk Reduction), che si è svolto recentemente a Ginevra, nel corso del quale il Centro EISAC.it ha presentato le proprie tecnologie

Security: centro italiano EISAC per la gestione emergenze tra i migliori al mondo per ufficio ONU - Leggi il resto

Ambiente: nasce a Napoli la Fondazione Osservatorio del mare e del litorale costiero

È stata costituita a Napoli la Fondazione “Osservatorio del mare e del litorale costiero”, alla quale hanno aderito come soci fondatori ENEA, CNR, INGV, la Fondazione Dohrn, l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno (IZSM), l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale e le tre Università di Napoli “Federico II”, “L’Orientale” e “Parthenope”. Partner istituzionale, l’ARPA Campania

Ambiente: nasce a Napoli la Fondazione Osservatorio del mare e del litorale costiero - Leggi il resto

Energia: al via progetto BLAZE per produrre elettricità senza emissioni a basso costo da biomasse

Sviluppare impianti a biomassa per produrre energia elettrica senza emissioni a meno di 0,10 €/kWh, con un’efficienza più che doppia rispetto alle tecnologie attuali (dal 20% al 50%) e a costi molto contenuti in termini di investimento ed esercizio. Sono gli obiettivi del progetto europeo BLAZE , che vede la partecipazione di 9 partner, tra cui l’ENEA e l’Università degli Studi Guglielmo Marconi nel ruolo di coordinatore.

Energia: al via progetto BLAZE per produrre elettricità senza emissioni a basso costo da biomasse - Leggi il resto

Rifiuti e riciclo: nuove linee guida per recupero materie prime critiche da apparecchi elettronici (RAEE)

Circa 45 tonnellate di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) raccolte in Europa e 7 processi di recupero con 14 modalità diverse. Sono i numeri del progetto europeo “Critical Raw Material (CRM) Closed Loop Recovery” per la sperimentazione di nuove tecniche per il recupero delle materie critiche dai RAEE domestici

Rifiuti e riciclo: nuove linee guida per recupero materie prime critiche da apparecchi elettronici (RAEE) - Leggi il resto

Agroalimentare: assegnati i premi PEFMED ai progetti più eco-innovativi

Un innovativo packaging flessibile e riciclabile in polietilene (PE); una farina ricca di proteine e fibre dagli scarti dell’industria birraia; un calcestruzzo green da sottoprodotti di mais e riso. Sono i tre vincitori dei premi “Green Poster”, selezionati tra i migliori progetti di ricerca di studenti, spinoff o startup che si sono distinti per eco-innovazione, riduzione dell’impronta ambientale e capacità di trasferimento tecnologico all’industria.

Agroalimentare: assegnati i premi PEFMED ai progetti più eco-innovativi - Leggi il resto

Agroalimentare: da ENEA e Federalimentare nuovi strumenti per ridurre l’impronta ambientale delle filiere

Oltre 200 imprese di sei Paesi europei coinvolte in iniziative per ridurre l’impronta ambientale di sei prodotti di largo consumo: olio d’oliva, vino, acqua in bottiglia, mangimi, salumi e formaggio. Ma anche tecnologie, soluzioni e oltre 60 buone pratiche per il settore disponibili sul sito dedicato pefmed-wiki.eu. Sono questi i risultati del progetto europeo PEFMED , coordinato da ENEA, presentati oggi a Roma nell’ambito del convegno “Product Environmental Footprint: un’opportunità per rafforzare l’economia circolare nel settore agroalimentare”, che ha fatto il punto sugli strumenti concreti per migliorare la sostenibilità della filiera agroalimentare mediterranea.

Agroalimentare: da ENEA e Federalimentare nuovi strumenti per ridurre l’impronta ambientale delle filiere - Leggi il resto