Presso la sede dell’Università di Catania il convegno del progetto europeo PUBLEnEf. Buone pratiche per l’efficienza energetica nella PA. Nuove linee guida EPC: il primo esempio in Italia

Il 20 Aprile a Catania, organizzato da ENEA e dall’Università degli studi di Catania, si è tenuto il convegno del progetto europeo PUBLEnEf, il cui obiettivo è sostenere la Pubblica Amministrazione nell'attuazione delle politiche di efficienza energetica.

Per il superamento delle barriere che ostacolano la diffusione dell’efficienza energetica sul territorio, il  progetto prevede la raccolta di Buone Pratiche, strumenti di monitoraggio e lo sviluppo di 15 roadmap  adattate alle specifiche situazioni locali e nazionali.

La presentazione della roadmap di Catania, che cade nell’ultima fase del progetto, in un’ottica partecipativa mira a sostenere gli stakeholder locali nei primi casi applicativi in Italia di riqualificazione energetica di edifici pubblici secondo le nuove Linee Guida Nazionali sui contratti di prestazione energetica (EPC).

Per l’ENEA sono intervenuti Mauro Marani responsabile per ENEA  del Servizio Efficienza energetica per la PA locale, Pietro Falconi, responsabile del progetto per l’ENEA, e Francesco Cappello della sede ENEA di Palermo.

Fra gli altri intervenuti al convegno Roberto Sannasardo, Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’identità Siciliana, il quale ha affermato che “l’EPC è lo strumento che può supportare pienamente la riqualificazione energetica degli edifici storici attraverso il partenariato pubblico – privato”. Ha proseguito Sannasardo: “Il Dipartimento dei Beni Culturali della Regione Siciliana, che già collabora da anni con l’ENEA, intende seguire questa strada per ridurre i costi  e migliorare l’efficienza delle 123 strutture di propria competenza. Con gli strumenti messi a disposizioni da PUBLEnEf è possibile accelerare il percorso di efficientamento energetico superando gli ostacoli tecnico – giuridici”.

Secondo l’Energy Manager Carlo Olivo “L'efficienza energetica rappresenta un processo innovativo per le Aziende Sanitarie, che possono trovare nelle società di Gestione del calore un partner per tale scopo anche in regime di partenariato pubblico- privato attraverso contratti EPC. L'efficienza rappresenta un’opportunità anche in termini di risparmio economico, di ammodernamento e  di qualità percepita delle strutture sanitarie,   contribuendo al miglioramento del livello di erogazione dei servizi sanitari”.

Claudia Benanti, professore aggregato presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Catania ha sottolineato come: “L’evento organizzato a Catania dimostra che la sinergia tra istituti di ricerca, attori istituzionali ed imprese può contribuire nello stesso tempo allo sviluppo del territorio e al raggiungimento degli obiettivi di efficienza energetica stabiliti dalla UE”.

Dal convegno è emerso anche il ruolo rilevante delle associazioni di settore: Sandro Feligioni rappresentante di Siciliesco ha sottolineato come la propria associazione supportata da ENEA  abbia ottenuto una maggiore valorizzazione del partenariato pubblico privato nei bandi regionali per l’efficienza energetica. Siciliesco, come anche Assoesco, si sta adoperando per la creazione di un fondo a garanzia delle ESCo.

I prossimi passi saranno quelli relativi alla realizzazione dei primi contratti EPC nel territorio siciliano, secondo le nuove Linee Guida Nazionali, che consentirà  l’efficientamento del patrimonio edilizio esistente insieme al  rilancio delle economie locali.

PUBLENeF - Support Public Authorities for Implementing Energy Efficiency Policies, Sostegno alle autorità pubbliche per l’attuazione delle politiche di efficienza energetica, è un progetto europeo finanziato nell’ambito di Horizon 2020 e a cui partecipa per l’Italia ENEA.

 

Per maggiori informazioni: