Energia, Ambiente e Innovazione

Energia, Ambiente e Innovazione è la rivista dell’ENEA. A cadenza trimestrale, si propone di offrire una informazione autorevole sugli sviluppi della ricerca scientifica e sulle sue applicazioni nei settori delle nuove tecnologie, dell’energia, dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile. La Rivista è organizzata in fascicoli monografici su tematiche di attualità o sui grandi temi della cultura scientifica.

 

Novità

Nucleare.jpg

Fascicolo 4/2017 - "Nucleare dal passato alle opportunità"

Il numero è dedicato principalmente alle tecnologie nucleari, che richiedono competenze tecnologiche avanzate e creano posti di lavoro qualificati. In apertura, l’intervista a un alto esponente scientifico dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica. Nella rubrica “Focus” si parla di diverse attività, dalla fusione termonucleare al decommissioning delle centrali esistenti, allo stoccaggio dei rifiuti radioattivi a bassa e ad alta attività e, non ultimo, della diagnostica e terapia medica. Nella sezione “Quadro internazionale” si è dato spazio a due temi: il primo riguarda la fusione, il secondo un possibile deposito unico europeo di rifiuti radioattivi. Nella sezione “Punto & Contropunto” troviamo un confronto, con opinioni molto differenti, sull’uso del nucleare. In “Spazio aperto” sono ospitati due articoli su altri temi: il compostaggio a piccola scala (Progetto Compostino) e la conservazione e valorizzazione dei beni culturali nel Lazio (Progetto COBRA). Nella rubrica “Cosa succede in città”, infine, una panoramica su un tema di attualità, gli orti urbani.

Copertina

Fascicolo 3/2017 - "La Sanità tra Scienza e Tecnologia"

Questo numero è il frutto del lavoro congiunto tra l’ENEA e l’Istituto Superiore di Sanità sul tema della sanità. L’editoriale, firmato dai Presidenti dei due Enti di ricerca, illustra alcune delle attività portate avanti dalle due Istituzioni, tra cui la partecipazione congiunta nelle piattaforme e nei progetti europei. Segue un’approfondita intervista al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. La sezione “Focus”, centrale nel fascicolo, contiene contributi che riguardano la relazione ambiente, alimentazione e salute. Particolare attenzione è rivolta alle tecnologie per la diagnosi e la cura dei tumori, senza dimenticare la radioprotezione. Nella sezione “Punto & Contropunto” si confrontano le opinioni di chi si occupa di ricerca pubblica e di ricerca privata. Infine, nella rubrica “Quadro internazionale” vengono descritti, da una parte, gli impatti dei cambiamenti ambientali globali su ecosistemi e salute, dall’altra come l’ambiente circostante influenzi il nostro DNA.

Cover.jpg

Fascicolo 2/2017 - "Astana Italy"

Il numero, interamente in inglese, è dedicato all’energia futura, tema principale dell’Expo 2017 che si svolge dal 10 giugno al 10 settembre ad Astana (Kazakistan). Apre il numero un’intervista a Stefano Ravagnan, ambasciatore italiano in Kazakistan, che inquadra il ruolo che l’Italia può avere in Asia e in altri Paesi in via di sviluppo per quanto riguarda l’economia e l’energia. Nella rubrica Focus, oltre agli interventi di esponenti istituzionali pubblici (Governo, Regioni) e privati che illustrano programmi e iniziative in corso nel campo energetico, troviamo soprattutto i contributi dei ricercatori, non solo ENEA, per lo sviluppo delle tecnologie energetiche del futuro: dal solare termo-elettrico al solare fotovoltaico innovativo, dall’energia marina alla geotermia, dalla bioenergia alla fusione nucleare. Viene prestata attenzione anche all’efficienza energetica, in particolare nel settore residenziale e nel settore agro-alimentare. Sono infine illustrate le ricerche su tecnologie innovative per l’illuminazione, come gli OLED, e sulle batterie per i veicoli ibridi ed elettrici. Completa il fascicolo la rubrica Cosa succede in città, che descrive l’esempio di rigenerazione urbana sperimentato a Lione, in Francia.

Copertina

Fascicolo 1/2017 - "Smart City"

Il primo numero dell’anno è dedicato alle Smart City, con l’obiettivo di individuare i contorni di un termine che rischia di diventare una moda ma di cui non è chiaro il significato. Apre il numero un’intervista a Franco Ferrarotti, il sociologo urbano più noto in Italia e tra i più noti a livello europeo. Seguono molti contributi nazionali e internazionali che illustrano le attività utili a trasformare le città nei campi dell’energia, della mobilità, delle infrastrutture, dei rifiuti, per renderle più sostenibili e inclusive, più smart appunto, anche attraverso l’uso di nuove tecnologie della comunicazione. La rubrica Spazio aperto è dedicata, come di consueto, ad altri temi, tra cui il fine vita dei pannelli fotovoltaici. Completa il fascicolo la nuova rubrica Cosa succede in città, che intende esaminare le esperienze di trasformazione delle città: in questo numero l’esperienza dello smart working a Milano.