Decarbonizzazione e mobilità condivisa

Nello sviluppo urbano un grande ruolo può essere svolto dalla dimensione comportamentale nella gestione della mobilità urbana. La mobilità condivisa è una nuova forma di organizzazione e gestione degli spostamenti in ambito urbano, i cui impatti possono risultare utili agli obiettivi di decarbonizzazione

Bruna Felici, ENEA

DOI 10.12910/EAI2018-050

 

cosa-succede-in-citta.jpg
(download pdf)
… Anche nell’ambito della mobilità sono in atto profonde trasformazioni che riguardano non solo l’innovazione tecnologica ma anche la dimensione comportamentale. La rapida diffusione di nuove pratiche di mobilità fa sperare che un significativo contributo agli obiettivi di decarbonizzazione possa pervenire nei prossimi anni dal cambiamento radicale di alcune abitudini quotidiane. …

Per valutare l’entità dell’impatto del settore della mobilità sulla qualità della vita è sufficiente fornire pochi semplici dati. I cittadini europei passano in media 10 ore a settimana sui mezzi di trasporto spendendo circa il 13% delle loro risorse economiche. In Italia ogni giorno si spostano quasi 29 milioni di persone, 19 per lavoro, e 10 per motivi di studio. Si parla di un incremento di due milioni di persone in dieci anni. Gli italiani si spostano prevalentemente con il mezzo privato; più della metà utilizzano l’automobile e, da recenti rilevazioni, il dato tende a crescere a scapito dell’utilizzo dei mezzi pubblici.

Con 62,4 automobili ogni 100 abitanti, deteniamo il record del più alto tasso di motorizzazione in Europa.

Tale massa di persone in movimento si concentra soprattutto nelle aree metropolitane, luoghi di maggiore concentrazione dell’intera domanda di mobilità.

Considerata l’entità del fenomeno, ci si chiede quanto sia realistico ribaltare la logica della mobilità considerata come una irrinunciabile necessità e quanto invece si possa limitare lo spostamento di una parte dei lavoratori che potrebbero svolgere la propria attività quotidiana da casa, o nei pressi della propria abitazione. Questo comporta fare leva sulla domanda di mobilità, proponendo ipotesi per limitare gli spostamenti, disincentivare il trasporto privato a favore dell’utilizzo di modalità e mezzi che riducono l’impatto ambientale e i consumi energetici. …