Combustibili legnosi - Calore sostenibile per gli edifici pubblici

cover

Tipo di pubblicazione : OPUSCOLO


A cura di: L. Castellazzi, V. Gerardi, E. Scoditti, C. Rakos, J. Hass


Editore: ENEA


pp. 16, 2002


Prezzo: gratuito


 

In Europa il legno è una risorsa energetica abbondante, diffusa sul territorio, in particolare nelle zone montane, e sfruttabile nelle aree dove viene prodotto, senza creare gravi problemi legati al suo trasporto ed immagazzinamento. Gli attuali canali di approvvigionamento possono variare a seconda della realtà produttiva locale: la legna da ardere dai boschi, dai viali o dai parchi, il cippato ed i pellets dai residui di produzione delle segherie, delle imprese di costruzioni o di carpenteria; anche i residui derivanti dalla produzione agricola o dall’industria alimentare come i gusci di nocciola e la sansa di oliva possono costituire una eccellente fonte energetica.

Negli ultimi 20 anni le caldaie a legna hanno subito una notevole evoluzione tecnologica, passando dai vecchi sistemi a caricamento manuale alle moderne e sofisticate caldaie ad elevato grado tecnologico, dotate di dispositivi di controllo automatici, ed in grado di soddisfare da sole il fabbisogno energetico delle unità abitative con rendimenti termici che possono raggiungere il 90%.

Le caldaie moderne bruciano combustibili legnosi di alta qualità, come i pellets, il cippato e gli scarti di lavorazione, con emissioni paragonabili a quelle dei sistemi convenzionali a gas e gasolio. Spesso sono dotate di sistemi per l’accensione automatica, di segnalazione in remoto di eventuali malfunzionamenti, di dispositivi automatici per la rimozione delle ceneri e per la pulizia degli scambiatori di calore.Questi sistemi, inoltre, lavorano particolarmente bene quando sono associati a sistemi di riscaldamento a pannelli solari.

La strada da seguire per lo sviluppo sostenibile locale è lunga e non facile da percorrere. Il riscaldamento degli edifici è responsabile di circa un terzo della domanda energetica totale del sistema energetico europeo. Utilizzare fonti di energia rinnovabile in questo settore può rappresentare un grande passo avanti verso la sostenibilità e spesso è anche economicamente conveniente. Uno dei vantaggi dei sistemi di riscaldamento a legna è che non producono alcuna emissione netta di anidride carbonica.Realizzare un impianto a legna per riscaldare un edificio pubblico può essere un buon esempio per l’intera comunità.

 


NON DISPONIBILE IN VERSIONE CARTACEA

SCARICABILE IN RETE

IN QUESTA SEZIONE