Contributi di idee e metodi per sviluppare i sistemi di gestione ambientale nelle aree protette

cover

Tipo di pubblicazione : VOLUME


A cura di: Lucia Naviglio, Rossella Colletta et al.


Editore: ENEA


pp. 134, 2002


ISBN: 88-8286-021-3


Prezzo: gratuito


 

I saggi raccolti ripercorrono le fasi salienti del lavoro dei ricercatori dell’ENEA che hanno partecipato al Progetto pilota dei sistemi di gestione ambientale nelle aree naturali protette. Il Progetto prende in considerazione l’introduzione del Sistema di Gestione Ambientale nel Parco Nazionale del Circeo e nel Parco Fluviale del Po, tratto vercellese-alessandrino, della Regione Piemonte.

Il Ministero dell’Ambiente ha voluto questa attività per sviluppare, anche nelle aree protette, lo strumento volontario del Sistema di Gestione Ambientale, così come previsto dalla norma UNI EN ISO 14001. L’applicazione diffusa del Sistema di Gestione Ambientale può rendere i parchi soggetti aggreganti dello sviluppo sostenibile, l’attività economica coniugata al rispetto dell’ambiente viene proposta come occasione vantaggiosa per acquisire una propria “reputazione ambientale” che rappresenta una leva di competitività.

Il Sistema ha l’obiettivo di incidere su tutti gli aspetti organizzativi e le fasi dei processi produttivi che possono incidere sulla qualità dell’ambiente naturale e delle sue componenti, sia direttamente (ecosistemi, specie animali o vegetali, atmosfera, corsi d’acqua ecc.), sia indirettamente (consumi di energia, di acqua ecc.).

Il Sistema di Gestione Ambientale è nato per le imprese: per consentire l’applicazione omogenea del Sistema di Gestione Ambientale nelle aree protette, un gruppo di lavoro ENEA-UNI-SINCERT ha elaborato la Linea Guida, che è a disposizione di tutti i Parchi che vogliono intraprendere un cammino analogo a quello del Parchi del Po e del Circeo suddetti.

I contributi riportati in questa pubblicazione sono quelli elaborati dall’ENEA per lo sviluppo del progetto affidato dal Ministero dell’Ambiente, ma sono serviti anche come base e riferimento per il lavoro di chi ha redatto la Linea Guida pubblicata da UNI nel dicembre 2001. In quanto documenti di base hanno subito modifiche in corso d’opera. La Linea Guida, quindi, è diversa per alcuni aspetti da questi elaborati iniziali che permettono, comunque, di seguire il filo logico delle soluzioni e delle azioni intraprese per risolvere i problemi che si sono affacciati nel corso del progetto.

 


NON DISPONIBILE IN VERSIONE CARTACEA

SCARICABILE IN RETE

IN QUESTA SEZIONE