Energia da fusione

Stato prospettive e ricadute industriali

Tipo di pubblicazione : VOLUME


Autori: P. Batistoni, A. Coletti, A. della Corte, F. Gnesotto, E. Lazzaro, P. Martin, A. Pizzuto, I. Ricapito, F. Rosatelli, G. Rostagni, G. P. Sanguinetti, C. Strangio, A. Tuccillo, G. Vlad


Editore: ENEA


pp. 112, 2009


ISBN: 978-88-8286-212-1


Prezzo: gratuito


 

La ricerca sulla fusione nucleare, condotta in molti Paesi con l’obiettivo di realizzare una fonte di energia praticamente inesauribile, rispettosa dell’ambiente, sicura ed economicamente competitiva, si trova oggi ad un passaggio importante: la costruzione di ITER, un reattore sperimentale da 500 MW di potenza, frutto di un’ampia collaborazione internazionale e che rappresenta il risultato di decenni di continui progressi nella comprensione della fisica dei plasmi e nello sviluppo delle tecnologie necessarie all’operazione di un reattore a fusione.

Il volume illustra lo stato attuale delle ricerche e gli ulteriori passi necessari per il raggiungimento dell’obiettivo della produzione di energia da fusione, con particolare riguardo alle attività e al ruolo dell’Italia.

Sempre nell’ambito del programma ITER ad esempio, sarà realizzato in Italia da parte del Consorzio RFX l’impianto di sviluppo e prove per il sistema di riscaldamento del plasma in ITER. L’Italia partecipa anche all’accordo Europa-Giappone con la progettazione e realizzazione di 9 delle 18 bobine del magnete toroidale superconduttore e parte delle alimentazioni elettriche di JT-60SA, e dello stadio a bassa energia dell’acceleratore e delle prove per il bersaglio per IFMIF. Il cuore della strategia italiana per i prossimi 10 anni è però rappresentato dall’esperimento FAST (Fusion Advanced Studies Torus), un tokamak satellite che l’Associazione Euratom-ENEA propone di realizzare in Italia, nell’ambito del programma europeo di accompagnamento a ITER. FAST avrebbe l’obiettivo di preparare e ottimizzare in una macchina più semplice e non nucleare gli scenari operativi di ITER, di studiare plasmi prossimi all’ignizione, e di provare componenti innovativi per ITER e DEMO.

Il volume riporta anche gli analoghi progressi conseguiti nelle ricerche sulla fusione a confinamento inerziale, e la proposta del progetto internazionale HiPER, un sistema basato su laser di grandi dimensioni per studi sulla fusione inerziale ed altre applicazioni.

 


NON DISPONIBILE IN VERSIONE CARTACEA

Indice del volume

SCARICABILE IN RETE

IN QUESTA SEZIONE