Edifici a energia quasi zero (NZEB)

La direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia (EPBD, Energy Performance of Buildings Directive) è il principale strumento legislativo dell’Unione Europea per il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici europei. Un elemento fondamentale di questa direttiva è rappresentato dagli edifici a energia quasi zero (nZEB).

La EPBD, prevede che gli Stati membri provvedano affinché entro il 31 dicembre 2020 tutti gli edifici di nuova costruzione siano edifici a energia quasi zero e a partire dal 31 dicembre 2018 gli edifici di nuova costruzione occupati da enti pubblici e di proprietà di questi ultimi siano edifici a energia quasi zero. In attuazione della direttiva europea, il Decreto ministeriale del 26 giugno 2015, il cosiddetto “DM requisiti minimi”, che definisce la metodologia di calcolo delle prestazioni energetiche e dell’utilizzo delle fonti rinnovabili in edilizia, definisce i requisiti degli edifici nZEB.

L'obiettivo  del progetto è quello di dare un contributo al raggiungimento degli obiettivi nazionali ed europei sull’efficienza energetica in ottica nZEB degli edifici pubblici esistenti e definire procedure standard, valori di benchmark e standard prestazionali a supporto della normativa e delle politiche energetiche; l’obiettivo sarà raggiunto tenendo conto dei costi, delle esigenze del mercato e degli utenti finali nel rispetto dell'ambiente,  con un uso razionale dell'energia primaria e con l’indispensabile e importante, dal punto di vista quantitativo, ricorso alle energie rinnovabili .

Nell’arco del triennio sono previste le seguenti attività:

  • Studi sulla riqualificazione energetica degli edifici pubblici esistenti: direzione nZEB
  • Messa a punto di metodi per la verifica delle disponibilità di luce naturale e per la stima dei requisiti energetici per illuminazione naturale in edifici nZEB
  • Individuazione delle criticità nella progettazione e realizzazione d’interventi di riqualificazione a nZEB: implicazioni pratiche, normative e legislative
  • Definizione di standard opportuni di qualità dell'aria e del microclima interno degli edifici nZEB
  • Monitoraggio e misure energetiche edifici nZEB
  • Studi su componenti edili a base naturale per l’edilizia.

 

Studi sulla riqualificazione energetica del parco esistente di edifici pubblici mirata a conseguire il raggiungimento di edifici a energia quasi zero (Progetto D.2)

Responsabile Scientifico di Progetto: Luciano Terrinoni
luciano.terrinoni@enea.it

 

Attività PAR 2016
Attività PAR 2015

 

Le attività del presente progetto costituiscono il naturale sviluppo di alcune di quelle svolte nel triennio 2012-2014 nel quadro del Progetto “Sviluppo di modelli per la realizzazione di interventi di efficienza energetica sul patrimonio immobiliare pubblico” e nei precedenti piani triennali 2006-2011 (“Tecnologie per il risparmio elettrico nel settore civile” e “Determinazione dei fabbisogni e dei consumi energetici dei sistemi edificio-impianto”).

Le attività relative alla riqualificazione energetica di edifici pubblici presenti del territorio del Sulcis sono svolte nell’ambito dell’Accordo MiSE/Regione Sardegna/ENEA/Sotacarbo per lo sviluppo del Polo Tecnologico del Sulcis. Dalla seconda annualità dell’AdP 2015-2017 queste attività costituiranno una linea del progetto “Polo Tecnologico del Sulcis: Tecnologie e metodologie ‘low carbon” e Edifici ad energia quasi zero (NZEB).

 

Edifici energia quasi zero (Progetto Polo)

Responsabile Scientifico di Progetto: Luciano Terrinoni
luciano.terrinoni@enea.it

 


Attività 2012-2014
Attività 2006-2011