Cluster
  • ENERGIA
Codice ATECO
C23, C25, C28, D35

Tecnologia ENEA

SISTEMI DI ACCUMULO TERMICO PER MEDIA E ALTA TEMPERATURA


Livello di Maturità Tecnologica (TRL)

4 ÷ 6

Aspetti innovativi e relativi benefici

La tecnologia ha il beneficio di migliorare la dispacciabilità dell’energia, aumentare il numero di ore di esercizio degli impianti, ridurre i consumi di energia da fonte fossile e il relativo impatto ambientale.
L’accumulo termico a calore sensibile può avvenire sia in mezzi liquidi che solidi: l’uso di sale fuso e di cemento consente di ottenere sistemi a basso costo. L’accumulo termico a calore latente ha il vantaggio di possedere un’alta densità di energia accumulata e, di conseguenza, consente la realizzazione di sistemi di accumulo compatti e di basso impatto visivo.
Inoltre, sfruttando il cambio di fase del materiale di accumulo, fornisce calore a una temperatura sostanzialmente costante, aumentando l’efficienza complessiva del sistema di utilizzo.

Utilizzo

Realizzazione di sistemi di accumulo termico per medie/alte temperature, a calore sensibile e/o calore latente, da utilizzare sia in impianti solari di grandi dimensioni per la produzione di energia elettrica sia in impianti di piccola taglia dedicati alla multi-generazione distribuita, alla produzione di calore di processo per l’industria, all’heating/cooling per distretti ed edifici e alla desalazione. Possibili ricadute di tali concetti potranno essere il recupero del calore industriale o l’efficientamento energetico di edifici pubblici e privati.

Attività svolte e in corso

Sono state studiate e progettate alcune tipologie di accumulo termico basato sull’uso di cementi e di sale fuso in cambio di fase. E’ in corso la completa caratterizzazione termica di detti prototipi utilizzando degli impianti sperimentali appositamente sviluppati (Solteca3, ATES). L’attività è condotta in collaborazione con diverse aziende interessate allo sviluppo di questi sistemi.

Referente

Adio Miliozzi (adio.miliozzi <at> enea.it)