Collaborazione ENEA - INEST

Impianto.jpgNell’ambito delle attività di ricerca e sviluppo implementate da ENEA in supporto ai sistemi di quarta generazione refrigerati a piombo (LFR-Gen. IV) la Divisione di Ingegneria Sperimentale dal 2011 ha in essere collaborazioni scientifiche con l’ Istituto di Tecnologia per la Sicurezza dell’ Energia Nucleare (INEST) dell'Accademia delle Scienze Cinese (CASHIPS).

Tali collaborazioni sono state guidate dall’interesse reciproco circa lo sviluppo delle tecnologie dei metalli liquidi pesanti per applicazioni nucleari nella fissione nucleare di quarta generazione e nella fusione nucleare.

Il 17 Luglio 2012 è stato firmato il Memorandum of Understanding (MoU) tra ENEA e CASHIPS riguardante la collaborazione in tale ambito.

La collaborazione si è manifestata attraverso l’esecuzione di attività relative alla termoidraulica dei metalli liquidi pesanti, e si sono concretizzate nella fornitura di un impianto prototipico a metallo liquido pesante denominato KYLIN-II.

ImpiantoBrasimone01.jpgPer tale collaborazione l’ENEA si avvalse del supporto della società S.R.S. - Servizi di Ricerche e Sviluppo S.R.L.

Successivamente, nell’ambito della stessa collaborazione, ENEA ha collaborato, sempre supportata da SRS, alla progettazione e fornitura di un impianto sperimentale denominato CLEAR-S. Il progetto, consiste nella realizzazione di un impianto sperimentale a metallo liquido pesante che si pone come obiettivo principale il supporto al programma di ricerca, sviluppo e dimostrazione finalizzato alla realizzazione e al licensing del reattore CLEAR-I (China Lead-based Research Reactor-I).

ImpiantoBrasimone.jpgAttualmente INEST ed ENEA collaborano sulla tecnologia dei reattori a fissione di quarta generazione refrigerati con leghe di piombo anche in versione modulare (CLEAR-M), cosa che permette ad ENEA di poter “spendere” il know-how acquisito negli ultimi quindici anni su tali tecnologie a favore di una forte penetrazione dell’industria italiana sul mercato energetico cinese.

Con la collaborazione in essere ENEA accresce la propria leadership internazionale su tali tecnologie e al contempo trae vantaggio dal sistema cinese per il rafforzamento della propria visione strategica che prevede l'impiego dei metalli liquidi pesanti come fluidi refrigeranti in varie applicazioni nucleari.

Per maggiori dettagli è possibile contattare l’ Ing. Mariano Tarantino, responsabile dell’ accordo con INEST.