Materie prime per la stampa 3D di ceramici avanzati

Formulazione e sviluppo di sospensioni, o slurry, e paste ceramiche stampabili per processi di additive manufacturing e di stampa 3D per ampliarne ed esplorarne le potenzialità in diversi ambiti applicativi. Si studiano e sviluppano formulazioni per ceramici avanzati ossidici e non ossidici (allumina, zirconia, ZTA, silice, tialite, alluminosilicati, carburo di silicio, siliciuri di molibdeno, etc.) anche da materie prime di recupero.

 

Slurry ceramici fotosensibili

Le sospensioni ceramiche fotopolimerizzabili sono impiegate nei processi di additive manufacturing in cui una resina fotosensibile, contenente polveri ceramiche, è selettivamente polimerizzata tramite un fascio luminoso di opportuna lunghezza d’onda. In particolare, vengono sviluppati slurry ceramici fotosensibili per stampanti 3D basate su tecnologie stereolitografiche e di Digital Light Processing (DLP), con reattività fotopolimerica nel range di lunghezza d’onda compreso nell’UV-Visibile e idonea viscosità in funzione del contenuto solido.

Paste ceramiche estrudibili

Le paste ceramiche sono l’alimentazione dei processi di additive manufacturing in cui il materiale è estruso e selettivamente dosato attraverso un apposito ugello. Si sviluppano paste ceramiche con proprietà reologiche ottimizzate ed idoneo contenuto solido, per stampanti 3D ad estrusione di materiali e processi di Liquid Deposition Modeling (LDM).