11 febbraio – Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza

“Ho insegnato ingegneria e so per personale esperienza che ragazze e ragazzi sono entrambi capaci e entrambi affascinati dalla scienza, colmi di idee e pronti a lavorare per migliorare il mondo. Dobbiamo fare in modo che abbiano accesso alle stesse opportunità di apprendimento e di sviluppo professionale, a pari condizioni.”

António Guterres, Segretario generale delle Nazioni Unite

Nel 2015, per sensibilizzare l’opinione pubblica alla necessita di garantire il totale accesso e l’equa partecipazione delle  donne e le ragazze agli studi e alle carriere scientifiche, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato l'11 febbraio “Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza”.  L'uguaglianza di genere e l'emancipazione di donne e ragazze costituisce uno step fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, ma proprio nei settori scientifici persistono invece grandi disuguaglianze di opportunità offerte, nelle retribuzioni e nei riconoscimenti. Cambiare questa situazione si può e si deve e, ovviamente, la scuola è chiamata in primo luogo a contribuire all’inversione di rotta.

La ricercatrice Paola Batisitoni, ENEA, intervistata da RepubblicaTV, racconta la sua esperienza come donna e ricercatrice e speriamo che possa ispirare e incoraggiare tante ragazze.

Video Repubblica.it

Per saperne di più sulle attività di Paola Battisiton:

 

Inoltre sul sito del CUG ENEA troverete le testimonianze di molte altre nostre colleghe, il racconto del loro lavoro e amore per la ricerca scientifica.