Radiazioni ionizzanti e non ionizzanti: applicazioni diagnostiche e terapeutiche

ENEA svolge attività nel campo delle radiazioni ionizzanti e non ionizzanti e, sin dalla sua fondazione, sostiene l’impegno della FIRR in questo settore.
Quando 29/11/2019
dalle 08:30 alle 15:00
Dove Roma, Ministero della Salute
Persona di riferimento Carmela Marino
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

 

Ogni anno la Federazione Italiana Ricerche sulle Radiazioni (FIRR) organizza un workshop su un argomento di rilevanza scientifica e di attualità che interessi in modo trasversale le Associazioni federate.

Quest’anno il Workshop del 29 novembre a Roma presso la Sala Auditorium "Cosimo Piccinno" del Ministero della Salute, intende approfondire la conoscenza su alcune tematiche che riguardano sia le radiazioni ionizzanti che non-ionizzanti.

Sarà affrontato il  tema della teragnostica, un settore nuovo della medicina nucleare che vede l'utilizzo di molecole marcate con diversi radionuclidi, al fine di impiegarle sia in fase diagnostica (con i radionuclidi che non danneggiano i tessuti) che in terapia (con i radioisotopi in grado di attaccare la massa tumorale), grazie anche all’impiego di nuovi radiofarmaci specifici per alcuni tumori come quelli neuroendocrini del tratto gastro-enterico.

Una parte rilevante del WS sarà dedicato alle problematiche dei campi elettromagnetici sia dal punto normativo (protezione della salute) sia per le novità in tema di impiego in diagnostica e terapia. In particolare per quanto riguarda gli aspetti di protezione saranno oggetto di approfondimento le normative e le linee guida per la popolazione e per i professionalmente esposti in ambito sanitario.

Le tecnologie di comunicazione e di raccolta dati, così come la tecnologie digitali per l’operatività sul paziente hanno già modificato l’utilizzo e le performances di molti strumenti diagnostici. La tecnologia 5G, ancora pochissimo diffusa sul territorio nazionale, permetterà modalità di connessione e di utilizzo di enormi quantità di dati contemporaneamente ed avrà impatto anche sulla gestione dei pazienti e di molti interventi terapeutici.

 

Programma