Dialogo e sviluppo di sinergie per la produzione di energia sostenibile

Come possono biomassa, idrogeno e cattura e stoccaggio di CO2 interagire per mitigare il cambiamento climatico ce lo illustreranno nel corso del workshop co-organizzato nell’ambito del progetto europeo R&Dialogue da: Sapienza Università di Roma - Dipartimento di Scienze della Terra – Centro di ricerca CERI - Dipartimento di Ingegneria Civile, edile ed ambientale - DICEA, ENEA – Agenzia Nazionale per le Nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile,CO2GeoNet – Network Europeo di Eccellenza per lo Stoccaggio Geologico di CO2, Comune di Caprarola il 20 giugno prossimo a Palazzo Farnese a Caprarola.
Quando 20/06/2015
dalle 09:30 alle 13:30
Dove Caprarola, Viterbo
Persona di riferimento Paola Bruzziches
Recapito telefonico per contatti 3928302682
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

Lo scopo di questo workshop, che si collega all'obiettivo 3 e 4 della conferenza "Il nostro futuro comune sotto i cambiamenti climatici", è quello di cercare di valutare sulla base di evidenze scientifiche il potenziale di diverse soluzioni da mettere in campo per affrontare la sfida del cambiamento climatico e per contribuire al dialogo tra scienza e società. L'evento intende offrire agli interlocutori interessati, in particolare ai responsabili politici locali, agli studenti di scienze ambientali e alla cittadinanza locale, un’introduzione a tre tecnologie il cui sviluppo sinergico appare molto promettente non solo in termini di riduzione delle emissioni CO2, ma anche nel favorire uno sviluppo sostenibile ed energia a prezzi accessibili per tutti. Il workshop sarà una occasione per discutere su come biomassa, idrogeno e CCS (Cattura e Stoccaggio di biossido di carbonio), possano essere impiegate insieme per affrontare la sfida del cambiamento climatico, e darà la possibilità alla società civile, ai politici locali, alle associazioni e alla cittadinanza di contribuire allo sviluppo dei futuri programmi di ricerca.

L'evento si terrà nella cittadina di Caprarola (Lazio settentrionale, Italia), che sorge in una zona agricola in gran parte caratterizzata da una mono-coltura (nocciola) che produce un grande volume di rifiuti organici che sono una potenziale risorsa energetica locale a basse emissioni di carbonio. In questo contesto, un gruppo di organizzazioni, impegnate a sostenere una società a basse emissioni di carbonio, hanno intrapreso un processo di dialogo con la popolazione locale, nell’ambito del progetto FP7 "R&Dialogue - Dialogo tra ricerca e società civile". Questo progetto riunisce esperti provenienti da diversi settori dell'energia per promuovere il dialogo partecipativo e la reciproca comprensione tra cittadini, esperti tecnici e amministratori locali con un approccio innovativo. Le organizzazioni aderenti, tra cui istituti di ricerca, organizzazioni non governative, associazioni della società civile e associazioni industriali, contribuiranno alla sessione di lavoro.

Scopo dell'incontro sarà di stimolare l'interesse e il sostegno all'innovazione tecnologica per affrontare il cambiamento climatico. Questo si rivolge in particolare alle giovani generazioni, invitando alla partecipazione non solo gli studenti di Scienze Ambientali presso le università locali de La Tuscia, Roma, Rieti e Latina, ma anche un pubblico di giovani meno specializzati. I relatori, che hanno esperienza di comunicazione con un pubblico variegato, presenteranno i concetti scientifici e la tecnologia in modo che possano essere compresi da tutti, evitando un linguaggio troppo specialistico e cercando di fare in modo che tutti i partecipanti si sentano a proprio agio e siano incoraggiati ad assumere un ruolo attivo nel dibattito.

 

registrazione on line