La Scienza di Roma. Passato, presente, futuro di una città

Dal 12 ottobre 2021 al 27 febbraio 2022 presso il Palazzo delle Esposizioni di Roma, ENEA partecipa alla mostra “La Scienza di Roma. Passato, presente, futuro di una città”, un excursus sull’attività scientifica di rilevanza internazionale a Roma, a cura Fabrizio Rufo e Stefano Papi, con il Patrocinio dell'Accademia Nazionale dei Lincei e la collaborazione del Polo Museale della Sapienza Università di Roma.
Quando dal 12/10/2021 alle 10:00
al 27/02/2022 alle 16:00
Dove Roma
Persona di riferimento
Aggiungi l'evento al calendario vCal
iCal

Attraverso un’esperienza collettiva finalizzata ad accrescere la fiducia dei cittadini verso il valore della conoscenza, la mostra narra la storia delle idee scientifiche, da Galileo Galilei a Angelo Secchi fondatore della spettroscopia, da Guglielmo Marconi ai ragazzi di via Panisperna e poi “Roma prima di Roma”, ricerca spaziale, chimica, matematica, biologia, medicina, astronomia, fisica, ma anche tanto futuro, con l’avanguardia dei più importanti istituti di ricerca nazionali, tra cui l’ENEA.

L’Agenzia sarà presente con percorsi, anche multimediali, su alcuni dei più innovativi progetti per la sopravvivenza di uomini, piante, insetti e batteri nello spazio in partnership con ASI, come il progetto Hortspace, per la realizzazione di orti spaziali al fine di coltivare microverdure e fornire agli astronauti cibo fresco e ad alto valore nutritivo e progettare piante come fonti di antiossidanti e sostanze antimicrobiche, in grado di innescare un ciclo biorigenerativo di risorse vitali, come acqua e ossigeno.

VGELM, che punta a realizzare un orto hi-tech per coltivare micro-verdure sulla Luna e in ambienti estremi come quelli polari, all’interno di una speciale ‘serra igloo’ progettata per resistere a temperature molto basse e dotata di tecniche avanzate di realtà virtuale immersiva.

Ma il grande pubblico potrà anche scoprire Hortextreme, il prototipo di orto marziano per la coltivazione idroponica di quattro specie di microverdure senza l’uso di pesticidi e agrofarmaci in grado di garantire un corretto apporto nutrizionale agli astronauti all’insegna di un’alimentazione di alta qualità.

Nell’area dell’ENEA gli ospiti potranno ammirare inoltre GREENCUBE, un micro-orto che verrà lanciato a bordo di un mini-satellite sul vettore VEGA-C dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), per lo studio del comportamento delle piante nella media orbita terrestre, dotato di tecnologie innovative e sensoristica avanzata per il monitoraggio da remoto.

ENEA inoltre sarà presente con il progetto ReBUS per lo sviluppo di tecnologie e soluzioni innovative a sostegno della vita dell’uomo nello spazio nelle missioni di lunga durata su Luna e Marte, con sistemi biorigenerativi basati su organismi come piante, funghi e batteri per ottimizzare l’uso delle risorse disponibili e riciclare la materia organica prodotta.

Ulteriori informazioni su questo evento…