“Capitale Conoscenza”, nuove tecnologie per migliorare la qualità della vita in città

15 giugno 2012

news.jpg

La conoscenza come fattore strategico per un nuovo sviluppo delle città e per migliorare la vita dei cittadini che le abitano; è questo il tema della manifestazione “Capitale Conoscenza” che si è svolta a Roma dal 6 al 9 giugno, promossa dalla Rete dei Promotori dell’innovazione, cui aderisce anche l’ENEA.

Le principali università romane, enti di ricerca, operatori del settore, imprese e rappresentanti delle istituzioni si sono confrontati sulle nuove tecnologie e sulle politiche da adottare per realizzare interventi di sviluppo del territorio basati sulla qualità e sui bisogni dei cittadini.

Nel corso della manifestazione sono stati presentati i progetti, le ricerche, le esperienze e le innovazioni tecnologiche che hanno affrontato le problematiche legate alla qualità della vita urbana: mobilità, logistica, domotica, nuovi materiali, efficienza energetica, fonti rinnovabili, ICT applicate ai beni culturali, al turismo e alla Pubblica Amministrazione.

Sono stati presentati alcuni progetti e tecnologie sviluppati dall’ENEA e in particolare:

  • ELIH-Med (Efficiency in Low-Income Housing)

ELIH-Med è un progetto ENEA, cofinanziato dalla Commissione Europea, per la realizzazione di interventi di efficienza energetica sulle abitazioni delle famiglie “a basso reddito” nel Mediterraneo.

Le famiglie “a basso reddito” non dispongono di risorse sufficienti per ottenere un facile accesso al credito o al capitale necessario per investire in efficienza energetica; da qui la necessità di politiche innovative per aiutarli a ridurre il proprio consumo di energia.

  • TR.E.BIO.S (TRigenerazione con Energie rinnovabili: BIOmasse e Solare termodinamico)

TREBIOS è un impianto solare a concentrazione di tipo poligenerativo, di piccola taglia, che assicura la produzione continua di energia elettrica e di vapore, derivato dal processo di produzione, e che valorizza, integrandole, le risorse rinnovabili maggiormente disponibili sul territorio di un Comune: la luce del sole e le biomasse. Ad esempio, le potature degli alberi di città potranno essere trasformate in energia elettrica e biocombustibile utilizzabile per il trasporto pubblico urbano.

L'impianto è così in grado di produrre energia 24 ore su 24, anche di notte o quando il sole non c'è e a zero emissioni di CO2, perchè utilizza esclusivamente fonti rinnovabili.

Roma Capitale, Enel Green Power ed ENEA hanno firmato in Campidoglio un protocollo d'intesa per la sperimentazione e lo sviluppo di un impianto pilota.

  • Radar topologico ad immagine

Questa tecnologia permette di scansionare grandi superfici di opere d’arte, spesso uniche e intrasportabili, situate su pareti e soffitti ad altezze elevate, e che possono essere ricostruite in forma  digitale e riprodotte in 3D per offrire ai visitatori una suggestiva visione dell’opera.

Il Radar Topologico offre sorprendenti risultati dal punto di vista della risoluzione e dell’apparato ottico e attualmente rappresenta il risultato più avanzato nel campo della ricerca e sviluppo di dispositivi opto-elettronici a laser per la diagnostica remota non invasiva dei beni artistici.

Il Radar Topologico a Colori e i sistemi 3D evoluti dell’ENEA hanno fatto rivivere la Loggia di Amore e Psiche di Raffaello di Villa Farnesina a Roma.

 

Ulteriori informazioni

archiviato sotto:

IN QUESTA SEZIONE