Lumière illumina Maratea. Il Comune presenta i risultati di efficienza energetica conseguiti con il Progetto ENEA

7 aprile 2014

Il Comune di Maratea, che è stato fra i primi comuni ad aderire al Progetto Lumière dell’ENEA per l’efficienza energetica nell’illuminazione pubblica, grazie all’adesione al progetto e all’utilizzo degli strumenti sviluppati da Lumière ha realizzato la prima fase del percorso di riqualificazione  operando sia un’attenta valutazione degli impianti che una loro evoluzione in funzione del contesto territoriale per arrivare al bando di gara ad oggi in fase di pubblicazione per la promozione di Maratea, Città della Natura.

I risultati ottenuti sono stati  presentati nel corso del convegno “Risparmio Innovazione Risorse.  Il Progetto Lumière dell’ENEA strumento di innovazione territoriale”, organizzato dal Comune di Maratea in collaborazione con la regione Basilicata e con l’ENEA. Il convegno è stato l’occasione per mettere in evidenza le attività di promozione del risparmio energetico e della tutela dell’ambiente messe a punto dal Comune della Basilicata, attività che hanno trovato nell’adesione a Lumière le più concrete opportunità di  sviluppo e potenziamento.

Lumière è un progetto ENEA nato per promuovere l’efficienza energetica nel settore dell’illuminazione pubblica attraverso la realizzazione di interventi di riqualificazione energetica e un cambiamento di approccio per la gestione del servizio e supporta gli amministratori pubblici nell’acquisizione di conoscenze tecniche e gestionali degli impianti.

Si tratta dunque di un percorso esemplare  a cui i Comuni - non solo della Basilicata - possono fare riferimento per riqualificare in modo efficace e completo i loro impianti con riduzione delle spese dei consumi di energia elettrica e delle emissioni di anidride carbonica, muovendo così un primo passo verso un  modello di smart city. Un esempio dunque  e un modello da seguire per tutti  quei sindaci e amministratori locali che incontrano difficoltà nel programmare interventi in questi  settori.

 

a cura dell’Ufficio stampa e rapporti con i media

archiviato sotto:

IN QUESTA SEZIONE