On line il nuovo numero di EAI - Energia, Ambiente e Innovazione

Numero 4-5/2012 luglio-ottobre 2012 - Parte I

Cop4 Parte I

È disponibile in rete la Parte I del numero 4-5/2012 della rivista dell’ENEA, EAI – Energia, Ambiente e Innovazione.

La Parte II, dedicata al terremoto nella pianura padana emiliana, sarà disponibile in rete a giorni.

Apre il numero l’editoriale di Tullio Fanelli, Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Ambiente, dedicato alla poco tranquillizzante situazione delle reti idriche, che abbisognano sia di misure organizzative sia di strumenti tecnologici che le trasformino in vere e proprie smart grid dell’acqua.

A seguire la sezione World View, uno sguardo attraverso 13 finestre sul mondo della ricerca scientifica internazionale, che spaziano dalle iniziative passate e future dell’ONU (Rio+20 dello scorso giugno, le priorità fissate per il 2013) ai bandi europei per la ricerca, dalla sostenibilità energetica ad alcuni effetti del cambiamento climatico, solo per citare qualche argomento trattato.

Nella sezione Focus si segnalano: il commento di Stefano Laporta, Direttore Generale di ISPRA, su produzione e smaltimento dei rifiuti urbani in Italia; quello del fisico Emilio Santoro dell’ENEA sugli ultimi studi intorno alla introvabile materia oscura dell’Universo; un ultimo commento sulla proposta di reattori ibridi a fissione-fusione nucleare, formulata in un recente workshop internazionale.

Nelle sezione Primo piano troviamo articoli su: la roadmap europea e italiana per la futuribile trasformazione delle attuali città in Smart Cities; i benefici energetici ed ambientali di un possibile rilancio del trasporto ferroviario italiano; le ricerche sulla fusione a confinamento inerziale; l’approntamento di servizi scientifici climatici.

Nella rubrica Prospettive pubblichiamo il contributo di due esperti: Davide Tabarelli, Presidente di Nomisma Energia, sulla presunta “rivoluzione” del gas e del petrolio non convenzionale; Carlo Crea, Presidente del gruppo di lavoro sulla sicurezza energetica dell'ICER (Confederazione Internazionale delle Autorità di regolazione dell'Energia) sul ruolo giocato dagli enti regolatori sulla sicurezza degli approvvigionamenti.

Infine, in Studi & ricerche, sono pubblicati sei articoli scientifici, tra cui due di un gruppo di ricercatori della FAO: uno sull’uso del carbonio organico come indicatore del degrado del suolo (nella sezione Review & assessment papers); un altro sulle emissioni globali di gas serra, intensità di carbonio ed efficienza della produzione alimentare (nella sezione Research papers). Nella sezione Technical papers, infine, si segnalano memorie sul potenziamento, senza interruzione del servizio, di un impianto di trattamento delle acque reflue e sull’analisi della mobilità tramite dati GPS registrati a bordo di autovetture.

Un numero importante per la qualità degli articoli e per l’autorevolezza degli autori intervenuti.

 

Per informazioni e contatti: infoEAI@enea.it

archiviato sotto:

IN QUESTA SEZIONE