Sostenibilità “made in Italy”

Sostenibilita
(download pdf)
La catena di fornitura ha un impatto economico che spazia dal 40 al 70% del fatturato annuale di ogni Impresa. Acquisti & Sostenibilità realizza ogni anno l’Osservatorio sulla Sostenibilità della Supply Chain (OSSC) finalizzato a rilevare le pratiche di sostenibilità nella catena di fornitura dichiarate nei rendiconti CSR e a supportare le aziende nell’individuazione delle opportunità di crescita attraverso lo sviluppo di una Supply Chain sostenibile.

Il perimetro di osservazione dell’OSSC 2013 ha riguardato 50 società italiane che pubblicano il bilancio CSR, incluse nell’indice FTSE Italia All-Share e 26 società italiane non quotate nell’indice FTSE IT All-Share.

Rispetto agli anni scorsi, nella catena di fornitura è risultato che: i vantaggi della comunicazione della gestione sostenibile sono sempre più evidenti e il trend è in crescita; è prevalente l’orientamento verso la mitigazione del rischio operativo e reputazionale piuttosto che il miglioramento del profilo ambientale e sociale; cresce l’attenzione al processo di acquisto sostenibile.

L’analisi dei risultati ha confermato forti differenze tra i punteggi delle società.

 

Sustainability “made in Italy”


The economic impact of a supply chain on a company’s annual turnover ranges between 40 and 70%.

Acquisti & Sostenibilità (formerly Procurement & Sustainability) releases the Sustainable Supply Chain Review (SSCR) on a yearly basis, dedicated to analyzing the CSR practices along supply chain, as declared in the CSR Reports and to supporting companies in detecting growth opportunities through the development of a sustainable supply chain.

The SSCR 2013 scope was to observe 50 Italian companies listed in the FTSE Italia All-Share index and 26 Italian companies out of it.

Compared to the past few years, this edition highlighted the following: the advantages of communicating a sustainable supply chain management are ever evident and increasing; addressing the operational and reputational risk mitigation is still prevailing rather than improving the environmental and social supply chain profile; the focus on sustainable procurement is growing.

The result analysis did confirm significant gaps between the ratings of the companies assessed


DOI: 10.12910/EAI2014-80

Luca Guzzabocca, Angelo Santi Spina

Contact person: Angelo Santi Spina - angelo@acquistiesostenibilita.org

 

 

 


Luca Guzzabocca, Angelo Santi Spina - Acquisti & Sostenibilità