Idee per lo sviluppo sostenibile

Alessandro Ortis, Federico Testa

(download pdf)

Ortis.jpg Testa.jpg

L’Agenzia ENEA ha posto al centro della propria mission la sostenibilità economica, ambientale e sociale del Paese e rappresenta uno degli attori principali in grado di indirizzarlo sui percorsi virtuosi della green economy, sempre più spesso indicata come principale via d’uscita dalla crisi economica e ambientale mondiale.

Tra le varie iniziative messe in atto, l’ENEA ha avviato, nel 2013, il progetto “Idee per lo sviluppo sostenibile”, che prevede la raccolta, la diffusione e la promozione di idee e proposte in grado di promuovere innovazione, crescita e sviluppo sostenibile.

Il progetto è aperto a enti, società, associazioni di imprese o di consumatori, studiosi, professionisti o semplici cittadini che intendano sottoporre un loro contributo.

Tali contributi e proposte devono riguardare i settori di competenza dell’ENEA ovvero l’energia, l’ambiente e le nuove tecnologie e possono consistere in progetti relativi alla governance, alle politiche o allo sviluppo di tecnologie innovative.

Un Gruppo di esperti di elevata e comprovata esperienza ha il compito di verificare le proposte pervenute, valutandone la fondatezza e la completezza, e di individuare i progetti che presentano maggiore interesse per le ricadute sul piano economico-sociale e per la loro rilevanza a livello internazionale, nazionale o regionale.

Il Gruppo, che opera a titolo completamente gratuito avvalendosi, per casi di particolare complessità tecnologica, anche delle competenze tecniche dell’ENEA, è presieduto dall’ing. Alessandro Ortis ed è composto da: il prof. Marcello Clarich, il prof. Luigi De Paoli, l’ing. Tullio Fanelli, il prof. Vincenzo Ferrara, il prof. Giulio Napolitano, il dr. Stefano Saglia, l’ing. Gianni Silvestrini, il prof. Federico Testa.

Il “valore aggiunto” del progetto ENEA rispetto ad altre iniziative similari è proprio quello di sottoporre le proposte pervenute, prima della loro pubblicazione ed eventuale promozione, ad una duplice verifica.

Una verifica di “fondatezza”, che consenta di escludere che le proposte siano manifestamente infondate dal punto di vista tecnico, economico o giuridico, e una verifica di “completezza”, che permetta di riscontrare che le proposte contengano tutti gli elementi necessari per la loro valutazione e cioè: una descrizione comprensibile ed esaustiva di quanto proposto; l’evidenza dei costi di attuazione (quelli privati e quelli, diretti e indiretti, a carico del bilancio pubblico) e dei benefici; una descrizione degli impatti sociali, ambientali e per i consumatori; una rappresentazione delle eventuali esigenze di interventi legislativi o amministrativi, di brevetti, di attività sperimentali o di collaborazioni/cooperazioni nazionali ed internazionali riguardanti le istituzioni, la ricerca e i settori produttivi considerati.

Tale valutazione non comporta in alcun modo un giudizio sul merito delle proposte, che rimane nella responsabilità dei proponenti.

Tutte le proposte ritenute d’interesse vengono pubblicate in una apposita sezione del sito web ENEA. Una loro selezione viene segnalata alle amministrazioni potenzialmente interessate, con l’auspicio che possano essere accolte e attuate, o diventa oggetto di seminari di approfondimento ovvero di promozione attraverso organi di stampa e riviste di settore.

In questo fascicolo della rivista ENEA vengono presentate le prime dieci proposte approvate nell’ambito del Progetto, alcune delle quali elaborate in seno al Gruppo di esperti.

Esse riguardano un ampio ventaglio di tematiche:

  1. un nuovo meccanismo per palesare il ‘contenuto’ di gas serra dei beni di consumo
  2. una mini-rivoluzione nella gestione dei rifiuti urbani
  3. il coinvolgimento delle ESCO per l’efficientamento energetico nella PA
  4. l’applicazione di multe all’abusivismo edilizio con cui finanziare interventi per la sicurezza sismica e la riqualificazione di edifici pubblici
  5. la creazione di un sistema di incentivazione per le imprese che intendono effettuare interventi di innovazione tecnologica in collaborazione con enti di ricerca
  6. la messa a punto di una normativa tesa a promuovere l’efficienza energetica nelle medie imprese, nel grande terziario e nel commerciale, attraverso un nuovo sistema di incentivazioni che premi i risultati di efficienza conseguiti
  7. la costituzione di un Centro Servizi Avanzati per l’Agro-industria che metta a sistema e renda disponibili alle Imprese e alle Amministrazioni Regionali il patrimonio di competenze qualificate e di infrastrutture di R&S degli organismi di ricerca
  8. una serie di iniziative riguardanti i sistemi energetico-ambientali del Mediterraneo finalizzate ad accrescere la sicurezza, la convenienza per i consumatori e la sostenibilità ambientale
  9. la proposta di porre un tetto alla quota di importazioni massime di gas da un determinato paese per rispondere a eventuali malaugurate crisi politiche
  10. una riforma del Mercato del Giorno Prima che possa contribuire a risolvere i problemi di funzionamento del mercato elettrico introdotti dal rapido incremento di impianti da fonti rinnovabili non programmabili.

 

Informazioni dettagliate e sempre aggiornate sul progetto e sulle proposte accolte sono disponibili sul sito ENEA nella sezione ENEA Informa - Idee per lo sviluppo sostenibile: www.enea.it/it/enea_informa/sviluppo-sostenibile