Programmi di difesa integrata delle colture: l’uso di resistenza genetica agli insetti

Sin dagli albori dell’agricoltura l’uomo ha studiato come le piante coltivate si difendono dagli insetti erbivori e ha utilizzato i meccanismi di difesa naturale per proteggere le colture e preservare i raccolti. Il rapido avanzamento scientifico ha messo a disposizione conoscenze più approfondite e permette oggi di sviluppare tecnologie di difesa basate su caratteristiche ereditabili delle piante coltivate. Quest’articolo si propone di descrivere brevemente le strategie fin qui sviluppate e di discuterne l’impatto e le potenzialità di applicazione

7 Programmi difesa colture
(download pdf)
di Andrea Sonnino - ENEA

DOI 10.12910/EAI2016-042

 

Approssimativamente la metà di tutti gli insetti esistenti (circa dieci trilioni di individui appartenenti a un milione di specie descritte e a molte altre ancora sconosciute) sono erbivori. Le piante hanno quindi elaborato sofisticate strategie di difesa che permettono loro di convivere con gli insetti erbivori e di assicurare la continuità delle specie. Sin dagli albori dell’agricoltura, l’uomo ha studiato i meccanismi di resistenza ai fitofagi delle piante coltivate e li ha utilizzati per difendere le colture e preservare i raccolti. La più spettacolare applicazione della resistenza ad insetti dannosi è quella che è stata attuata nella seconda metà del XIX secolo per preservare le viti coltivate dall’attacco della fillossera (Daktulosphaira vitifoliae Fitch), un insetto devastante introdotto dall’America. L’innesto su portainnesti resistenti ha rivoluzionato l'intera viticoltura europea ed ha trasformato una terribile piaga in un insetto pressoché innocuo.

Il rapido avanzamento scientifico ha messo a disposizione conoscenze più approfondite e permette oggi di sviluppare tecnologie di difesa basate su caratteristiche ereditabili delle piante coltivate. Questo articolo si propone di descrivere brevemente le strategie fin qui sviluppate e di discuterne l’impatto e le potenzialità di applicazione. …