Il Progetto nazionale per la gestione dei rifiuti radioattivi

Anche l’Italia, al pari degli altri Paesi dell’Unione Europea, è chiamata a dotarsi di un deposito centralizzato per la sistemazione in sicurezza dei rifiuti radioattivi. Al Deposito Nazionale sarà affiancato il Parco Tecnologico, un centro di ricerca applicata e formazione nel campo del decommissioning nucleare e della gestione integrata del ciclo di vita dei rifiuti radioattivi

Il-progetto-nazionale-per-la-gestione-dei-rifiuti.jpg
(download pdf)
di Fabio Chiaravalli, Direttore Deposito Nazionale e Parco Tecnologico, Sogin SpA

DOI 10.12910/EAI2017-062

 

Sogin è la Società pubblica responsabile del mantenimento in sicurezza e del decommissioning degli impianti nucleari italiani e della gestione dei rifiuti radioattivi. È interamente partecipata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e opera in base agli indirizzi strategici del Governo italiano.

Operativa dal 2001, diventa Gruppo nel 2004 con l’acquisizione del 60% del capitale sociale di Nucleco SpA, l’operatore nazionale qualificato per la raccolta, il trattamento, il condizionamento e lo stoccaggio temporaneo dei rifiuti e delle sorgenti radioattive provenienti dalle attività di medicina nucleare, oltre che di ricerca scientifica e tecnologica.

Il Decreto Legislativo n. 31 del 2010 ha affidato a Sogin il compito di localizzare, progettare, realizzare e gestire il Deposito Nazionale e il Parco Tecnologico, un’infrastruttura ambientale di superficie, dove sistemare in sicurezza i rifiuti radioattivi italiani.

La realizzazione del Deposito Nazionale consentirà di portare a compimento il decommissioning degli impianti nucleari italiani (ossia quattro centrali di potenza, ubicate a Caorso (Piacenza), Garigliano (Caserta), Latina, Trino (Vercelli) e cinque impianti del ciclo del combustibile, ubicati in quattro siti: Bosco Marengo (Alessandria), due a Casaccia (Roma), Saluggia (Vercelli), Rotondella (Matera), nonché di gestire i rifiuti radioattivi, compresi quelli generati dalle attività di medicina nucleare, industriali e di ricerca. …