Orti urbani

Questo articolo si occupa di verde urbano e di pratiche virtuose di recupero di aree agricole e campi abbandonati, che si diffondono con la crescita della sensibilità ambientale e del valore della sostenibilità nella pubblica opinione

Orti-urbani.jpg
(download pdf)
di Bruna Felici, ENEA

DOI 10.12910/EAI2017-073

 

Nell’intervista riportata sul numero 1/2017 della rivista dedicato alle Smart City, Franco Ferrarotti si sofferma sul tema della trasformazione delle città, sottolineando la relazione tra spazi urbani e vita sociale.

Lo sviluppo storico mostra il passaggio dalla tradizionale struttura monocentrica rappresentata dall’agorà, anima pulsante delle città-stato, al modello agglutinante che si espande caoticamente e senza alcun riferimento alla forma originaria della città e che viene fatto risalire al periodo dell’industrializzazione. Tale passaggio ha prodotto una progressiva perdita dell’identità e della memoria storica del territorio.

Oggi, secondo Ferrarotti, assistiamo a un ulteriore processo, non ancora pienamente compreso nella sua estrema complessità, quello della formazione di meta-città o realtà policentriche e trans-culturali che inglobano molteplici tipologie di abitanti, per vita sociale e multiculturalità.

Gli urbanisti utilizzano il termine megalopoli per indicare l’evoluzione delle metropoli verso la nuova forma di relazione tra spazi e persone. Nelle megalopoli, la tradizionale suddivisione tra ambiente urbano e rurale si modifica, il confine diventa labile per l’inglobamento di ampie fasce agricole all’interno dei paesaggi urbanizzati.

La mutazione sociale che ne deriva rende tali aree un concentrato di vissuti, spesso assai distanti tra loro per scelta e destino. L’immigrazione, la povertà economica, l’esclusione sociale e culturale caratterizzano la condizione di molti degli abitanti delle periferie periurbane. Ma negli stessi luoghi si trova anche chi ha fatto una scelta di vita, per sperimentare nuove forme di socialità attraverso la dimensione rurale che ancora li caratterizza. …