Materiali e tecniche nella pittura murale del quattrocento

Storia dell'arte, indagini diagnostiche e restauro verso una nuova prospettiva di ricerca

cover

Tipo di pubblicazione : VOLUME


A cura di: Marco Cardinali, Maria Beatrice De Ruggieri, Barbara Fabjan


Editore: ENEA


pp. 456, 2010


ISBN: 978-88-8286-222-0


Prezzo: gratuito


 

Con la realizzazione di questa pubblicazione e dell’allegato CD-ROM, si conclude il progetto scientifico che ha avuto nel convegno internazionale di studi “Materiali e tecniche nella pittura murale del Quattrocento” (Roma, Università La Sapienza, 20-22 febbraio 2002) la sua prima occasione di verifica e di confronto.

Nel volume sono riportati i testi delle relazioni e discussioni tenute nel corso del convegno. I testi sono riprodotti anche nel CD-ROM, dove sono corredati da un prezioso repertorio di immagini in larga parte inedite, offrendo una vera e propria mappa degli interventi conservativi che hanno interessato i principali cicli di pittura murale del primo Rinascimento italiano.

L’approccio multidisciplinare dei testi riflette l’integrazione, durante le campagne di restauro, delle competenze delle tre figure professionali coinvolte: lo storico dell’arte, l’esperto scientifico, il restauratore.
Originali non sono soltanto la natura, la qualità e la quantità dei materiali e degli apparati illustrativi, quanto la struttura stessa di atlante, che propone un itinerario visivo di alto interesse scientifico attraverso la documentazione fotografica, la quale, per ogni caso studio, risale progressivamente dai supporti agli strati pittorici, rivelandone le caratteristiche materiche non meno che tecniche e stilistiche.

Promotrici dell’iniziativa sono state le principali istituzioni attive nel campo della conservazione del patrimonio artistico come della ricerca, suo indispensabile fondamento: ENEA, la Scuola di Specializzazione in Storia dell’arte dell’Università “Sapienza” di Roma e la Soprintendenza per il Patrimonio Artistico, Storico e Demoetnoantropologico di Roma, affiancate dall’Istituto Centrale per il Restauro, dall’Opificio delle Pietre Dure e dal Gabinetto di Ricerche Scientifiche dei Monumenti, Musei e Gallerie Pontificie.

 


NON DISPONIBILE IN VERSIONE CARTACEA

SCARICABILE IN RETE

PUBBLICATO IL: 06/02/2010

IN QUESTA SEZIONE