II Progetto Dinamo per la biodiversità del Molise

(LIFE08NAT/IT/000324) D.1.S - D.2.S - D.3.S

II Progetto Dinamo per la biodiversità del Molise

Tipo di pubblicazione : VOLUME


A cura di: Paola Carrabba, Laura Maria Padovani, Massimiliano De Mei,Angela Stanisci, Maria Laura Carranza


Editore: ENEA


pp. 80, 2011


ISBN: 978-88-8286-237-4


Prezzo: gratuito



 

Il progetto DINAMO (LIFE08 NAT/IT/000324), iniziato a gennaio 2010 e con durata triennale, è stato finanziato tramite lo strumento LIFE + 2008 e vede come partner l’Università degli Studi del Molise, la Confederazione Italiana Agricoltori, l’ENEA ed IGEAM.

L'acronimo DINAMO, dal titolo in inglese, vuol dire: "Incremento della biodiversità a rischio di estinzione nelle aree agricole e seminaturali: un modello di gestione innovativo”. L’obiettivo principale del progetto è quello di proporre e testare un modello innovativo di gestione territoriale che, attraverso la cooperazione tra soggetti pubblici (Amministrazioni locali), privati (imprenditori agricoli) e mondo della ricerca, preservi, incrementi e monitori la biodiversità, individuando e attuando azioni concrete di conservazione. Il Modello Dinamo si avvale di due strumenti di partecipazione, l’AgriForum e la Rete d’Azione.
L’Agriforum, formato da tutti gli stakeholder potenzialmente interessati al progetto, è uno strumento di partecipazione, condivisione, decisione  e diffusione delle informazioni riguardo alle attività svolte da DINAMO.
La Rete d’Azione, formata  dagli imprenditori agricoli che partecipano al progetto, è lo strumento attraverso il quale le azioni concrete di conservazione decise nell’ambito dell’Agriforum vengono implementate sul territorio.

L’idea fondante del Progetto DINAMO è stata quella di mettere a punto un meccanismo che vada incontro alle necessità di conservazione della biodiversità attraverso il coinvolgimento degli imprenditori agricoli e una partecipazione attiva alla pianificazione e gestione del proprio territorio.
Gli agricoltori, inoltre, ricevono incentivi e misure di risarcimento per la loro partecipazione alla rete d'azione, con l'obiettivo di vedere aumentato il loro reddito e di essere incoraggiati a partecipare attivamente al progetto.

Il modello DINAMO, così, cerca di rispondere alle esigenze di crescita locale: una DINAMO che genera qualità ambientale, sviluppo e maggiore partecipazione a livello locale.



NON DISPONIBILE IN VERSIONE CARTACEA

SCARICABILE IN RETE

PUBBLICATO IL: 19/04/2011

IN QUESTA SEZIONE